Artroscopia del polso e della mano

Di cosa si tratta

L’ artroscopia è una tecnica chirurgica che permette di accedere all’interno delle articolazioni e avere visione diretta delle strutture al loro interno. Con i progressi della tecnica, è possibile valutare articolazioni sempre più piccole, come il polso e le articolazioni delle dita. L’artroscopico è uno strumento di diametro inferiore ai 2 mm dotato di una lente angolata che, collegato a un cavo a fibre ottiche e a una telecamera consente al chirurgo di osservare su un monitor televisivo le strutture che si trovano all’interno dell’articolazione.
Attraverso l’artroscopia si possono effettuare, in caso di dubbi, diagnosi di certezza ed effettuare procedure chirurgiche operative: si possono riparare legamenti ed eseguire interventi sulle ossa.

L’intervento richiede piccole incisioni cutanee a livello del polso e della mano per visualizzare le strutture articolari da diversi punti di vista e per consentire l’introduzione di vari strumenti operativi, in modo da non “aprire” l’articolazione.

Il post-operatorio è di solito più rapido e meno doloroso rispetto alle operazioni eseguite a cielo aperto.